Posso toccarti la pancia? Giù le mani dal pancione!

Tutte le mamme possono confermarlo, il pancione in gravidanza è una vera e propria calamita per le mani altrui, c’è qualcosa di irresistibile che spinge le persone a chiedere:

E’ in attesa? Che bel pancione! Posso toccare?

Come se fosse normale toccare liberamente una parte del corpo di una persona che non si conosce. Voi chiedereste mai a qualcuno se potete toccargli la spalla? O una mano? E allora perché dovrebbe essere normale toccare la pancia di una donna in gravidanza?

La motivazione ha radici storiche e culturali, secondo la credenza popolare toccare il pancione porterebbe fortuna al nascituro e a chi ha la fortuna di accarezzare il pancione. Il pancione è abbondanza, ricchezza e prosperità nonché energia creativa di una nuova vita, ecco perché tale pratica è così diffusa, questo modo di agire è talmente radicato nella nostra cultura che è un gesto spontaneo, lo si fa in automatico senza pensare. Anche nella filosofia buddhista toccare la pancia di Buddha (che non a caso è raffigurato con un grosso pancione augurale di felicità e prosperità) è un gesto che porta fortuna, pace e serenità. E’ anche vero che spesso è un gesto di affetto, dettato dalla tenerezza per l’idea che quella pancia tonda racchiuda un piccolo bambino, ma non a tutte le donne risulta un gesto gradito.

Molte mamme raccontano di sentirsi profondamente a disagio, soprattutto perché molto spesso la mano parte ancora prima di chiedere se è possibile toccare. Ci si sente quasi cattive a dire di no, ma riflettendoci perché dovrebbe essere un gesto accettato con disinvoltura o che possa far piacere alla mamma?

Ecco alcune strategie per evitare la mano invadente:

  1. Appena si nota la mano avvicinarsi ci si può girare su un fianco e scusarsi, dicendo che si sente prurito per cui è meglio evitare di toccare;
  2. Piazzare le proprie mani sul pancione ed accarezzarlo con gesti ampi, in modo che l’altro non abbia spazio di inserire la propria mano;
  3. Allontanarsi mimando uno starnuto imminente, passato il momento persa l’occasione!
  4. Essere sincere e dire educatamente che non si gradisce di essere toccate;
  5. Organizzarsi in modo creativo con una maglietta che faccia passare chiaro il messaggio!

La gravidanza è un momento delicato per ogni donna, che sia una bella gravidanza o una gravidanza più difficile, la futura mamma deve affrontare dei cambiamenti fisici e psicologici non sempre semplici, ecco perché a volte è bene capire come difendersi e come affrontare questo periodo in modo sereno e creativo!

Dott.ssa Veronica Simeone

 

 

Facebook Comments

Comments are closed.