10 Regole per coltivare l’amore per la lettura per i bambini da 0 a 14 anni

 

Tutte le volte che un genitore si lamenta che il proprio figlio non legge, gli porgo sempre la stessa domanda:

Cosa avete fatto per coltivare l’amore per la lettura di vostro figlio/a?

La risposta è quasi sempre la stessa… niente!

Se ci fermassimo un attimo a riflettere su come nascono le passioni allora la risposta giusta verrebbe automaticamente! A volte la passione nasce per caso, ma molto spesso l’amore, la passione, l’interesse vanno guidati e coltivati giorno per giorno, nel caso della lettura

i bambini vanno aiutati a costruirsi il loro mondo fatto di parole, suoni, immagini e coccole. Affinché qualcosa possa arrivare a toccarci nel profondo è necessario immergersi pian piano in quel nuovo mondo!

La lettura non dovrebbe mai essere vissuta come un’imposizione, ma dovrebbe essere vissuta come un momento di gioco e di condivisione, attraverso il quale stimolare la fantasia. Sarebbe quindi auspicabile che i bambini abbiano familiarità con i libri sin da piccolissimi. Iniziare con i libri morbidi, da succhiare, da toccare, da stringere e da guardare è sicuramente il primo passo. Non si è mai né troppo piccoli né troppo grandi per ascoltare una storia, fin da subito i bambini sono predisposti a calmarsi ascoltando la voce della mamma e già da subito il ritmo della lettura potrà essere colto dai piccoli. Insieme alle diverse fasi della crescita arriveranno i diversi tipi di libri: tattili, sonori, da esplorare, da guardare, da scoprire… è importante continuare ad annaffiare il semino dell’amore per la lettura nel tempo, per cui sarà necessario far scoprire sempre nuove storie ai piccoli, aggiornare periodicamente la loro libreria, senza tralasciare di rileggere e rileggere anche i vecchi libri. Questo è un punto fondamentale: continuare a leggere e rileggere vecchie e nuove storie.

Stimolare con il nuovo e confermare con il vecchio, questo porta il bambino a spingersi ad esplorare nuovi confini, nuovi viaggi, a scoprire nuovi sogni e nuovi mondi, ma crea quella zona di sicurezza e di confort attraverso le storie familiari, quelle lette e rilette, i personaggi cari che non si abbandonano. E’ questo il punto chiave: coniugare ciò che è conosciuto con ciò che è sconosciuto, l’eterna spinta del sognatore verso l’ignoto e il suo legame verso le origini.

 

Ecco i consigli per coltivare creativamente l’amore per la lettura:

  1. Fare in modo che i bambini possano manipolare i libri fin da piccoli (tattili, di spugna, ecc);
  2. Abituate i bambini alla favola della buonanotte;
  3. Aggiornare periodicamente la libreria con favole adeguate all’età, ma continuando a rileggere anche i vecchi libri;
  4. Spingere i bambini a raccontarci una storia (“Adesso racconta tu questa favola a mamma e papà”);
  5. Alternare la lettura dei libri con l’inventare storie/raccontare storie su di sé  (“Adesso papà vi racconterà una storia di quando era piccolo…”);
  6. Con il crescere dell’età sarà possible passare a libri più lunghi ed impegnativi, leggendo un capitolo alla volta;
  7. Includere SEMPRE un libro tra i regali del compleanno, Natale, ecc;
  8. Creare attività legate al libro che il bambino sta leggendo (“Disegnamo il personaggio del tuo libro”)
  9. Per i ragazzi più grandi: cercare collane di libri che trattino di un argomento che appassiona il ragazzo (ad es. il calcio, le amicizie, investigazioni, fantasy, ecc.)
  10. Leggete, siate voi a dare l’esempio! L’amore per la lettura si trasmette per imitazione, se siete voi i primi a godere della lettura i vostri figli vorranno fare lo stesso.

Un bambino che legge sarà un adulto che sogna, e un adulto che sogna sarà un adulto in grado di coltivare la propria felicità.

Facebook Comments

Comments are closed.